Nell’ottava giornata della Rassegna “Domenica in Concerto”, l'Ente Concerti ha avuto il piacere di ospitare Katarzyna Golofit, vincitrice del III Premio Nazionale di Musica da Camera Eggmann - Giangrandi, svoltosi a Cagliari lo scorso anno.

La Golofit è polacca di nascita ma studia al Conservatorio di Bolzano, dove attualmente si sta perfezionando con la professoressa Brustia. Diplomata nella prestigiosa Accademia Felix Nowowieskj di Bydgoszcz in Polonia ha cominciato prestissimo la sua carriera concertistica. La grazia e l'eleganza nell’esecuzione si sono alternati a momenti di grande virtuosismo e veemenza musicale nell’affrontare un repertorio pianistico nel quale ha avuto grande spazio il suo conterraneo più famoso, Frederic Chopin. La Sonata op. 35 (Marcia Funebre), la II Ballata op.38, la Polacca in La maggiore ed il Notturno in Si maggiore sono stati applauditi e apprezzati dal pubblico, particolarmente sensibile alle melodie chopiniane. La giovane pianista ha avuto modo di essere apprezzata anche per il virtuosismo nello studio di Liszt "La Leggerezza" e in Prokofiev, dove l'aspetto e l'efficacia tecnica non sono mai fine a sé stessi, ma un compendio di musicalità fresca ed elegante, nel quale la dinamica spazia dal pianissimo al fortissimo. Ancora una volta l'Ente Concerti ha dato il giusto risalto ad una giovane musicista di cui si sentirà parlare a lungo.
In apertura di serata l’operatore culturale Nadir Danieli ha presentato una nota storica sui fatti del febbraio 1637, connessi alla presenza in cattedrale dei celebri stendardi. L’episodio, che vide coinvolta la città di Oristano e alcuni paesi limitrofi, inserisce la Sardegna nelle vicende della Guerra dei Trent’anni. Le truppe francesi giunsero senza difficoltà alle porte della città e, nonostante le richieste di tregua, vi entrarono indisturbati. Alla testa dell’esercito, Enrico di Lorena conte d’Harcourt e l’arcivescovo di Bordeaux, Enrico d’Escobleau, comandante e ammiraglio delle flotte del Mediterraneo. Fatta incetta di argenti sacri e devastate le chiese, i francesi fecero per ripiegare nei pressi del fiume Tirso, dove ad aspettarli vi erano le truppe locali. Tendendo un’imboscata agli invasori, che registrarono un migliaio di perdite, i sardi ebbero la meglio. L’Harcourt consegnò le sue armi al vincitore e tornò in patria sui suoi vascelli. Gli stendardi del conte, ritenuti oggi dagli storici dell’arte nient’altro che i copri-porta degli appartamenti personali del comandante francese, solo in parte restaurati, sono ancora oggi esposti in Cattedrale.

Articolo pubblicato nel n. 41 del settimanale diocesano L'Arborense

Contattaci

Ballet School

È in corso la campagna tesseramento per la 44^ Stagione Concertistica. Sostieni le attività dell'Ente Concerti Alba Pani Passino di Oristano con un contributo minimo di 20 € e avrai sconti sui biglietti e diritto ad avere un posto riservato nei nostri concerti. 

Contattaci

Indirizzo

Ente Concerti Alba Pani Passino

Via Ciutadella de Menorca 33/35
09170 Oristano

Chiamaci

Fisso: 0783.303966

Mobile: 339.8348608

Fax: 0783.303966

Email

info@enteconcertioristano.it

Scrivi una e-mail ti risponderemo nel minor tempo possibile.

Chi siamo

L’Ente Concerti di Oristano nasce con lo scopo primario che di unire gli appassionati della musica e offrire al pubblico concerti e attività teatrali di alto livello. Più informazioni